ALTOPIANO ANDINO

Un viaggio tra l’Argentina ed il Cile, alla scoperta di un territorio tra i più belli di tutto il continente sudamericano.
Le province argentine del nord ovest (Jujuy e Salta) ed il Grande Norte del Cile, nell’altopiano andino, dove gli scenari paiono immutati nel tempo, dal passato precolombiano all’epoca coloniale. Salire sulla ferrovia tra le più alte del mondo, valicare le Ande a 4700 metri, lagune andine e pianure salate colonizzate da stormi di fenicotteri, l’area di geyser più elevata del mondo, minuscoli villaggi rurali che ci portano in contatto con le comunità di indios Quechua ancora presenti nell’area.

Programma

1°giorno: volo Italia – Buenos Aires
Imbarco a Fiumicino con volo diretto Roma – Buenos Aires

2°giorno: Buenos Aires 
Arrivo a Buenos Aires aeroporto Ezeiza, nella prima mattina. Nell’arco della mattina durante il trasferimento al centro, city tour con guida della capitale culturale del sudamericana, che conta circa 12 milioni di abitanti. Le sue famose avenidas: 9 de Julio (considerata la più larga al mondo), Calle Florida, Avenida de Mayo. Le piazze e i suoi palazzi: Plaza de Mayo e la Casa Rosada, El Cabildo e la Cattedrale. I rinomati quartieri: la Boca (nato dai sogni dei navigatori genovesi e dei poeti argentini), San Telmo e Recoleta, Caminito. Al termine, trasferimento in hotel e sistemazione. Pranzo libero. Nel primo pomeriggio tempo libero per proseguimento della visita al centro cittadino. Cena libera e pernottamento.

3° giorno: Buenos Aires
Colazione in hotel. Incontro con la guida e partenza per la parte nord della provincia di Buenos Aires. La visita comprende dapprima il giro di San Isidro, elegante e signorile, con antiche ville e moderne residenze.  A seguire, ci si porta ancora più a nord, verso il Delta del Tigre, dove il fiume Paranà si apre formando un vasto delta ramificato. Qui, con una barca andremo alla scoperta di questa parte un po’ misteriosa e nascosta della grande Buenos Aires. Al termine della escursione in barca, rientro nel pomeriggio in hotel. Tempo libero, cena libera e pernottamento.

4°giorno: Buenos Aires – volo per Tucuman
Colazione e trasferimento in prima mattinata all’aeroporto cittadino per il volo per Tucuman. Arrivo in mattinata, incontro con il nostro autista e partenza, dopo un breve giro per la città, culla dell’indipendenza argentina, direzione nord ovest, verso Tafi del Valle. Questa piccola cittadina si raggiunge dopo aver attraversato la gola del Rio de las Sosa, ricoperta da una selva umida subtropicale. Il percorso della giornata è spettacolare nei paesaggi attraversati. Giunti alla fine della tappa odierna ci si sistema nelle camere e si cena. Pernottamento.

5°giorno: Quilmes e Cafayate
Colazione e partenza in direzione nord. La prima fermata sarà alle rovine di Quilmes, insediamento urbano dell’omonima popolazione di indios che solo nel XVII° sec. Cedettero agli attacchi degli spagnoli che deportarono gli ultimi abitanti a Buenos Aires. Dai numerosi sentieri che si snodano nell’area si gode lo splendido panorama nella valle sottostante. Attraverso le Valles Calchaquies, principali vie di comunicazione per il Cile ed il Perù, una delle zone più belle ed affascinanti di tutta l’Argentina, ci dirigiamo a Cafayate. Cena e pernottamento.

6°giorno: Canyons – Salta
Colazione in struttura. Partenza per Salta. Prima di giungere, verso sera, al capoluogo della provincia, lungo la Ruta 40, faremo alcune soste per visitare alcuni canyon (qui detti “quebrada”). Il paesaggio, da verdeggiante cambia repentinamente in distese aride e rossastre entro cui si sono nei millenni scavati diversi canyon che hanno scolpito bizzarre sagome nella roccia arenaria. A queste formazioni sono stati attribuiti nomi di fantasia come Garganta del Diablo, El Sapo, El Fraile, El Anfiteatro. Al termine della giornata, dopo brevi escursioni e decine di foto scattate, arriviamo nei dintorni di Salta dove alloggiamo in una tipica struttura locale. Cena libera e pernottamento.

7°giorno: Quebrada de San Lorenzo – visita di Salta
Colazione in struttura. Facile escursione alla Quebrada de San Lorenzo, non lontano dalla struttura dove abbiamo pernottato. Dopo la pausa per il pranzo, nel pomeriggio, ci spostiamo a Salta per una visita della città. Famosa per la tipica architettura in stile coloniale spagnolo e per la sua vivacità è una delle più belle città argentine. La città è sede inoltre di numerosi musei, dal Museo Historico del Norte a quello de Bellas Artes al Museo de Alta Montana. Al termine della visita, rientro in struttura, cena libera e pernottamento.

8°giorno: Tren a las Nubes
Sveglia, colazione di prima mattina e trasferimento alla stazione di Salta per imbarcarsi sul “Treno delle Nuvole”. Il viaggio, da Salta a La Polvorilla e ritorno, dura un’intera giornata (15 ore circa) lungo i 434 km (andata e ritorno), attraverso i suoi 29 ponti, 21 tunnel, 13 viadotti, 2 spirali e 2 zigzag. Questa tratta, che raggiunge un’altezza di 4200 m slm, è una tra le più elevate del mondo. Dai suoi finestrini si ammirano paesaggi mozzafiato e si effettuano due fermate lungo tutto il tragitto. Al rientro, previsto per la tarda serata, cena e pernottamento.

9°giorno: Jujuy – Humahuaca –  Purmamarca
Colazione e partenza per il nord. Entriamo nella provincia di Jujuy, una delle più piccole e povere del paese, ma ricca di risorse archeologiche e culturali: prima tappa la città di Jujuy dall’eterno clima primaverile, per una veloce visita del centro con un’atmosfera fortemente andina. Pucara de Tilcara, ricostruzione di una fortificazione precolombiana, scoperta all’inizio del secolo scorso, è una delle più grandi della regione. Al termine della visita, di nuovo in viaggio verso la Quebrada de Humahuaca, lungo e stretto canyon dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità, dove le rocce scavate nel corso dei millenni si presentano spruzzate di tutti i colori. I piccoli villaggi che incontriamo sono tipicamente andini, con le case e le chiese costruite in mattoni cotti al sole. Visita di Humahuaca e trasferimento a Purmamarca per il pernottamento.

10°giorno: Cile
Colazione, sistemazione dei bagagli e partenza con destinazione Cile. Una lunga trasferta ci aspetta oggi, con il superamento del Passo Jama (4700 m slm) tra Argentina e Cile. Al di là della frontiera ci dirigiamo verso San Pedro de Atacama, nel cuore di uno degli scenari più spettacolari del Cile settentrionale, ai margini dell’omonimo deserto salato che raggruppa diverse Riserve Naturali Nazionali. Posta a 2440 metri di altitudine, questa piccola città ha ancora un aspetto di antico insediamento coloniale con strette viuzze, bassi caseggiati e graziose piazze alberate. Sistemazione, cena e pernottamento a San Pedro de Atacama.

11°giorno: El Tatio – Puritama
Colazione e partenza per la visita ai 64 geyser ed ai soffioni del Tatio. Uno scenario dantesco con zampilli, soffioni, gorgoglii e vapori che diffondono nell’aria vapore acqueo nelle brume del mattino. E’ questa l’area geotermica di altitudine più elevata (ca. 4300 m di quota) del mondo. La visita si protrae per qualche ora e prima di rientrare a San Pedro, ci fermeremo ai bagni termali di Puritama. Al rientro, tempo libero a disposizione. Cena libera.

12°giorno: I dintorni di San Pedro de Atacama 
Colazione in hotel. Partenza di buon mattino per una giornata all’insegna della scoperta dei luoghi naturali e paesaggi che circondano l’area di San Pedro. Iniziamo dal Salar de Atacama, riserva salina più grande del Cile con i suoi 3000 km quadrati, e Laguna Chaxa, parte della Riserva Nazionale “Los Flamencos”. Situata ad una altitudine di 2300 m sul livello del mare, offre uno scenario di spettacolare bellezza. Qui nidificano ben tre diverse specie di Fenicotteri. Ritorniamo verso San Pedro per la visita di tre importanti e suggestivi siti naturali e storici: Aldea de Tulor, uno dei siti archeologici più antichi del Nord del Cile, risale a circa 300 anni a.C. Composto da una serie di strutture circolari interconnesse, la cui architettura condivide molte similitudini con le culture pre-colombiane delle Ande. La Valle della Luna e Cordillera de la Sal, dove varie formazioni in parte rocciose, in parte di sabbia, scolpite dagli agenti atmosferici, producono suggestivi panorami. Rientro a San Pedro nel tardo pomeriggio, cena libera e pernottamento.

13°giorno: ritorno a Salta
Colazione e partenza per il rientro in Argentina. La strada del rientro è diversa da quella fatta all’andata e ci porterà a valicare il confine cileno-argentino al Paso de Lago Sico (4079 m slm). Ancora scenari mozzafiato e paesaggi indimenticabili. Passando per S. Antonio de Los Cobres, cittadina mineraria a prevalenza quechua, siamo all’incirca alla fine del percorso del Tren a las Nubes, ma noi proseguiamo verso Sud in direzione di Salta. Arrivati nuovamente nella capitale dei questa provincia ci fermiamo per il pernottamento nella medesima struttura che ci ha ospitati all’andata. Cena libera.

14° giorno: Buenos Aires – Volo per l’Italia

Colazione, sistemazione dei bagagli e trasferimento all’aeroporto nella tarda mattinata. Alle 15:15 parte il volo che ci riporterà a Buenos Aires. Trasferimento all’aeroporto internazionale da dove, alle ore 22:45 partirà il volo che ci ricondurrà a Roma.

15°giorno: arrivo a Fiumicino
Arrivo previsto per le 16:55 all’aeroporto di Fiumicino

Scheda Tecnica

Durata: 15 giorni / 14 notti
Partenza:    3 AGosto 2017
Partecipanti: min 8 – max 12
Quota individuale: a partire da Euro  3400
Sistemazione: Hotel, Hostal, Hostaria, Estancia

La quota comprende: 
n. 5 mezze pensioni, in Hotel/Residence/Albergo/Fattoria; n. 7 pernottamenti con prima colazione; pasti e pernottamento in aereo (1° e 14° giorno); n. 2 voli intercontinentale Italia – Argentina (Roma – Buenos Aires A/R) con la compagnia di bandiera  Aerolineas Argentinas; n. 2 voli interni con la compagnia di bandiera Aerolineas/Austral (Buenos Aires – Tucuman, Salta – Buenos Aires); Guida/accompagnatore parlante italiano; Servizio mini bus privato al seguito (dal 4° al 13° giorno); Visita guidata di Buenos Aires (2° giorno); Visita guidata di San Isidro e del Tigre (3° giorno); Tutti i trasferimenti da e per hotel – aeroporti e viceversa in Argentina; Assicurazione RC e Medico-bagaglio, iva.

La quota non comprende: 
Tasse aeroportuali dei voli intercontinentali; Eventuali tasse doganali/aeroportuali in uscita; Bibite ed alcolici; Le cene dei giorni 2, 3, 6, 7, 11, 12, 13; Biglietto Tren de las Nubes;  Tour turistici e naturalistici facoltativi (musei, esposizioni); I pranzi; Le mance e gli extra in genere; Tutto quanto non incluso nella voce “la quota comprende”.

Share