Matera, Lecce e le perle del barocco

Nel profondo sud d’Italia, tra vigneti e oliveti, si celano splendidi tesori barocchi e antichi borghi. Dai sassi di Matera unici al mondo, al barocco di Lecce passando per i trulli di Alberobello. Tappa obbligata anche ad Ostuni, con le sue case imbiancate a calce abbarbicate su tre colli: ogni angolo della città è un belvedere, con un panorama sugli oliveti che tingono le colline. Sole, acque cristalline e un’atmosfera immutata nel tempo le vere protagoniste di questa vacanza in bici tra le perle del Mediterraneo.

Itinerario
1° Arrivo individuale a Matera e incontro con il gruppo.
Piccolo e affascinate centro, Matera è situata nel cuore di una regione in cui l’erosione ha plasmato il paesaggio e l’ha reso unico, scavando gole profonde. La città è conosciuta soprattutto per le sue caratteristiche abitazioni addossate alla roccia, i “Sassi”, oggetto di un costante e minuzioso recupero.

2° Matera – Alberobello (70 km).
Saliamo in sella alla volta di Alberobello, la città dei trulli. Le Murge occidentali hanno il piacere di introdurvi in Puglia. Da lontano il castello Gioia del Colle rinomato per le gustose mozzarelle “fior di latte” ma anche per le misteriose leggende: provate a tendere le orecchie! Arrivo ad Alberobello, borgo unico al mondo e patrimonio dell’UNESCO che sorge su due colline: ad est la città nuova mentre ad ovest ci ritroviamo a passeggiare tra viottoli e stradine circondati dai tipici edifici a cono che ospitano case, negozi e la chiesa del paese.

3° Alberobello – Ostuni (45 km).
Attraversando la campagna ci dirigiamo verso Ostuni, gioiello architettonico chiamato anche “La città bianca” per la predominanza del bianco in tutti i suoi edifici. Lungo il percorso appuntamento con il gusto a Locorotondo, uno dei borghi più belli d’Italia, per scoprirne i sapori, la storia e l’architettura. Che dite ce la facciamo a fare una piccola deviazione per raggiungere Martina Franca e il suo caratteristico centro storico in stile barocco?

4° Ostuni – Lecce – Gallipoli (50 km + 70 km di transfer).
Trasferimento in bus fino a Lecce e via sui pedali alla volta di Gallipoli, autentica perla dello Ionio. Pedalando tra vigneti, uliveti e muretti a secco tocchiamo le cittadine di Copertino, col il suo stupendo castello, Nardò, meraviglia del barocco salentino e, infine tocchiamo il mare a Santa Maria al Bagno, con la possibilità per i più temerari di un primo tuffo a mare!

5° Gallipoli – Santa Maria di Leuca (50 km).
Mare mare mare: la parola d’ordine del giorno! Pedaliamo lungo la costa fino a Santa Maria di Leuca, il cui nome deriva dal greco “leukos”, che significa bianco: vi basterà uno sguardo per capire perché. Siamo proprio nel tacco d’Italia, e durante la nostra pedalata ci fermeremo ad ammirare una misteriosa attrazione: la Grotta del Diavolo, così chiamata perché i lugubri rumori provenienti dall’interno venivano attribuiti a dei diavoli! E se il tempo lo permette ci stenderemo al sole in una delle tante splendide spiagge sabbiose per concederci un po’ di relax e di mare.

6° Santa Maria di Leuca – Otranto (55 km).
Saltiamo in sella per raggiungere Otranto pedalando su una delle strade più scenografiche al mondo. Raggiungiamo Castro dove visiteremo una meraviglia naturalistica che ci lascerà senza parole: la Grotta della Zinzilusa. Il nome deriva dalla parola dialettale Zinzuli, stracci: le numerose stalattiti ricordano infatti proprio degli stracci appesi ad asciugare. I più attenti potranno scorgere nei colli Masseria Cippano, un edificio medievale di difesa, dove sono state ambientate alcune scene del film “Mine Vaganti” di Ferzan Ozpetek.
Infine Otranto: la città più a oriente d’Italia che conserva dei veri gioielli architettonici tra cui la cattedrale di Santa Maria Annunziata e il Castello Aragonese.

7° Otranto – Lecce (55 km).
Scoperto l’incanto delle strade lastricate di pietra viva del borgo antico di Otranto, risaliamo in bici lungo la litoranea adriatica, attraversando i laghi Alimini circondati dalla macchia mediterranea, per ritornare poi a Lecce. Capitale naturale del Salento, Lecce, è la città pugliese che più di ogni altra conserva integra la sua identità storica e culturale. Lungo il tragitto sostiamo ad Acaia, unico esempio di città fortificata del sud Italia e ammiriamo la Grotta della Poesia a Roca, rocca di origine carsica è raggiungibile anche a nuoto: chi si tuffa?

8° Lecce.
Dopo colazione, saluti, abbracci e rientro individuale.

Per motivi organizzativi, climatici o legati a disposizioni delle autorità locali indipendenti dalla nostra volontà, l’itinerario potrebbe subire modifiche più o meno considerevoli prima e/o durante la vacanza. In caso di deviazioni e/o chiusure di musei, monumenti e siti temporanee impossibili da prevedere al momento della pubblicazione del programma, ci riserviamo il diritto di sostituire la visita con altri luoghi di interesse, anche in loco.

 

 

Formula vacanza:
Individuale

Quota per persona in camera doppia:
740,00 € in Hotel 3/4*

La quota comprende:
• 7 pernottamenti con colazione
• 3 cene (bevande escluse)
• Trasporto bagagli
• Accompagnatore Girolibero
• Transfer del 4°giorno
• Assicurazione medico-bagaglio

La quota non comprende:
• Viaggio andata e ritorno
• 4 cene
• Bevande ai pasti
• Pranzi
• Ingresso a musei/monumenti
• Tutto quanto non compreso nella dicitura “la quota comprende”

 

Share