Capodanno in Alta Langa

Passeggiate nel silenzio, di cascina in borgata. Codice 2021CA058_01

Il viaggio

“Le colline di Langa hanno profili morbidi, sinuosi, gobbe che si inarcano come mammelle, protese verso il cielo. Il cielo delle Langhe si fa immenso con i primi freddi, quando la tramontana spazza le nebbie autunnali e mostra l’arco delle Alpi, dalle Liguri alle Lepontine, creste frastagliate e biancheggianti al crepuscolo.”

Roberta Ferraris Da: Il sentiero e l’altrove. L’Italia in cammino (2016, Ediciclo Editore)


Un viaggio a piedi, questo, pensato proprio per le persone che al Capodanno, con i suoi clamori chiassosi e festaioli, sono allergiche. In Alta Langa arriva attutito l’eco dei botti, e se c’è neve, proprio non si sentono. Si cammina, invece, durante il giorno, esplorando due piccoli paesi e le loro borgate sparse, su facili strade campestri. Se c’è la neve proviamo l’emozione dell’escursione con le ciaspole, in un ambiente sicuro e adatto anche a chi non le ha mai usate. Il paesaggio è quello del bosco di latifoglie, della quercia e del castagno, con scorci panoramici dai crinali, dove si cammina tra campi arati seminati a grano, e pascoli per le pecore di Langa. È la stagione dei parti, e il bestiame è al caldo nelle stalle. Vedremo invece, se c’è neve, le numerose impronte dei selvatici: caprioli, cinghiali, tassi e, se saremo fortunati, anche le tracce del lupo. Il viaggio sarà anche una scoperta delle preziose tracce del passato, soprattutto nell’arte medievale, e nelle testimonianze della più antica presenza di coloni romani. Festeggeremo l’arrivo del nuovo anno nell’intimità di luoghi aperti quasi esclusivamente per noi, e non mancheranno la buona cucina, i vini per i brindisi e il calore e i sorrisi di chi ci accoglie.

I punti forti del cammino:

  • Paesi di pietra: muri a secco, ciabot, tetti di lose e antichi pozzi
  • Sapori di Langa: i vini, i formaggi, la cucina della tradizione
  • Arte in Langa: alla scoperta della pittura gotica del Monregalese

Betania Travel e i propri partner garantiscono il rispetto delle norme di sicurezza e di comportamento in seguito alla pandemia Covid-19.

Per maggiori informazioni o per richiedere un appuntamento on line clicca qui

Galleria

La partenza: Ritrovo a Ceva, stazione FS, tra le 11 e le 12 di martedì 28 dicembre; A Ceva transitano regionali e interregionali sulla linea Torino-Savona. Chi arriva in auto trova parcheggio tranquillo alla stazione; autostrada A6 Torino-Savona, uscita Ceva.

L’arrivo: Si riparte da Ceva, dal primo pomeriggio di sabato 1° gennaio, come sopra.

Guida: Roberta Ferraris, guida ambientale escursionistica – Regione Piemonte, accompagnatore turistico. Tra le pubblicazioni di cui è autrice, la guida Alla scoperta delle Langhe (Fusta Editore).

Grado di difficoltà: facile

L’itinerario: Il viaggio prevede cinque giorni di cammino facile, con due percorsi ad anello con zaino leggero e tre giornate di trasferimento con zaino completo (disponibile il servizio di trasporto bagagli). Si cammina su sentieri e sterrate, e tratti di strade asfaltate comunali, senza traffico. In caso di innevamento consistente, i percorsi potranno subire modifiche. Le ciaspole possono essere richieste e affittate in loco.

L’accoglienza: un ostello confortevole, con ristorante, a Sale San Giovanni e uno o due B&B di ottimo livello a Paroldo, con cena al bistrot. Ci fermeremo due notti in entrambi i paesi.

Sapori e prodotti: esordiamo con il panino con la frittata, specialità di Ceva, con una lunga storia; poi ci sono i formaggi di Paroldo, di latte di pecora, i dolci a base di nocciola, gli agnolotti al plin e gli interminabili antipasti di Langa. Sui vini non c’è che l’imbarazzo della scelta, dal locale Dogliani, alle bollicine del sofisticato Alta Langa, per festeggiare il nuovo anno.

Territorio, società e ambiente: l’Alta Langa non è davvero più la terra selvaggia e povera narrata da Beppe Fenoglio. Vero è, però, che è rimasta al margine della più gettonata Langa dei grandi vini, che ha visto negli ultimi anni un’esponenziale crescita del turismo internazionale. Con tutti i problemi di sovraffollamento che vanno di pari passo con la notorietà, legata al sito Unesco Langhe-Roero e Monferrato. I vantaggi sono indubbiamente arrivati anche ai territori confinanti con la ‘core zone’, ma l’Alta Langa è rimasta indenne dalla ressa e tutto sommato ancora autentica e genuina. Su queste colline così vicine sia al mare, sia alle Alpi, è possibile ritrovare il paesaggio rurale della tradizione, con la sua varietà di colture, la dimensione intima dei paesi di collina, le trattorie di campagna, le aziende agricole a gestione familiare. Che però, rispetto a 20 o 30 anni fa, si sono evolute non poco, puntando sulla qualità dei prodotti, dai formaggi DOP, ai grani antichi, alle erbe officinali.

1° giorno - Martedì 28 Dicembre Da Ceva a Sale San Giovanni. A Ceva, pranzo veloce al caldo, per conoscerci e vedere insieme il programma. Breve viaggio in treno (6 minuti) per Sale Langhe. Escursione a piedi all’Arboretum Prandi e a Sale San Giovanni (6 km, 2 ore di cammino, + 230 m – 100 m).

2° giorno - Mercoledì 29 Dicembre Sale San Giovanni - escursione ad anello. Visita alla pieve di San Giovanni (affreschi gotici) ed escursione ad anello da Sale San Giovanni, per Camoroni e i campi di lavanda in versione invernale (13 km, 4 ore di cammino, + - 430 m).

3° giorno - Giovedì 30 Dicembre Da Sale San Giovanni a Paroldo. Visita alla chiesa di San Sebastiano e i suoi affreschi gotici (9 km, 3 ore di cammino, + 300 m, - 330 m).

4° giorno - Venerdì 31 Dicembre Paroldo - escursione ad anello. Anello panoramico da Paroldo alla Grande Panchina per Tutti (11 km, 4 ore di cammino, + - 330 m); salutiamo il 2021 in paese, al Bistrot 25 Miglia.

5° giorno - Sabato 1 Gennaio Da Paroldo a Ceva. Un percorso di crinale ci riporta verso la civiltà (km 9,5, 3h30 di cammino, + 230 m – 470 m); pranzo veloce in pasticceria a Ceva; rientro in treno nel primo pomeriggio.

Il cammino si terrà anche in caso di maltempo con eventuali piccole modifiche delle attività

Sommario

Destinazione: Piemonte

Durata: 5 giorni, 4 notti

Periodo: Dal 28 Dicembre 2021 al 1 Gennaio 2022

Partecipanti minimi: 6
Partecipanti massimi: 15

Compreso nell’offerta:

  • Pernotto e prima colazione
  • Cene
  • Cenone del 31 Dicembre
  • Transfer come da programma
  • Ingressi come da programma
  • Guida GAE regione Piemonte -Roberta Ferraris - web-site - Facebook
  • Assicurazione
  • Video call per presentare l’escursione.
  • Un simpatico omaggio

Non compreso nell'offerta:

Tutto quanto non specificato in “compreso nell’offerta”

Extra:

  • Possibilità di richiedere il trasporto bagagli
  • Possibilità di richiedere il trasferimento al punto di ritrovo e dal punto di arrivo.
  • Possibilità di modificare i tempi di permanenza
  • Supplemento singola (ove possibile) € 20,00 al giorno

Assicurazione:

  • Assicurazione Medico Bagaglio comprensiva di copertura Covid-19 e annullamento

Quota di partecipazione: Da € 539,00 a persona da 6 a 9 partecipanti; da € 479,00 a persona da 10 a 15 partecipanti

logo in lombardia Scarica il pdf del viaggio

Chiusura prenotazioni:
08-12-2021

Posti disponibili:
14


Richiedi prenotazione

Per prenotare è necessario iscriversi.

Contattaci

Email: betania@betaniatravel.it

Tel: +39 039 832716

Da lunedì a venerdì
dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00

Contattaci

Email: betania@betaniatravel.it

Tel: +39 039 832716

Da lunedì a venerdì
dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00